Firefox 3.0: Download day

giugno 11, 2008

Firefox logoOrmai il giorno della release di Firefox 3 è quantomai vicino e per festeggiare il decimo compleanno di uno dei migliori rivali di Internet Explorer e l’uscita della sua ultima versione in grande la Mozilla ha deciso di organizzare una giornata dove tutti siamo invitati a partecipare alla grande impresa di battere il record del file più scaricato nell’arco di 24 ore (giorno in cui sarà rilasciata la versione ufficiale di FF3).

La cosa sembrerà stupida, ma qua non si parla di sciocchi record come mettere in equilibrio milioni di cucchiaini o di cadere da 1000 metri rimanendo illesi, bensì di tanta e tanta pubblicità. Con questa iniziativa Firefox avrà la possibilità di mettersi bene in mostra anche agli utenti meno esperti di informatica che, non sapendo cos’è un browser, si lasciano portare dalla corrente e usano ciò che si trovano sul loro computer comprato bell’impacchettato e pronto all’uso e la maggior parte delle volte si tratta di Internet Explorer. Quest’ultimo ha molte meno funzionalità rispetto a Firefox e sopratutto non è coerente agli standard 3WC il che può creare problemi nella visualizzazione o nella stampa delle pagine web. Tanto per cominciare con Firefox abbiamo la possibilità di ripristinare sessioni perse che abbiamo terminato bruscamente, salvare una sessione oppure possiamo riaprire tab chiuse per sbaglio andando semplicemente nel menù a tendina della cronologia ripristinando la tab con tutta la sua cronologia e già per questo, personalmente, mi sarei dato a Firefox da subito (e anche perchè la maggior parte delle volte che usavo Explorer si chiudeva da solo). Ma ci sono tantissimi altri motivi che sicuramente non vi faranno pensare un attimo a quale scegliere tra i due.

Innanzitutto Internet Explorer 7 (l’ultima versione) sembra aver dimenticato il miglioramento riguardo alla lettura dei fogli CSS che già nella precedente versione non sembrava eccellere. Per quanto sia stato espresso esplicitamente dalla Microsoft, il browser con il test Acid2 ideato da webstandars.org il browser ha problemi nel visualizzare lo script, cosa che la candidate 2 di Firefox sembra non avere minimamente. Altro problema di IE7 è la velocità con cui esegue i Java script. Usando il test di celtikane possiamo vedere che IE ha bisogno in media ben 1500 millisecondi mentre FF solo 300.

Forse uno degli unici problemi di Firefox per ora è la velocità con cui renderizza fogli di stile CSS dove IE lo batte con una media di 450 millisecondi a 700 con questo test, ma stiamo confrontando una versione finalizzata ad una in fase beta e infatti con firefox 2 abbiamo prestazioni nettamente migliori (350 millisecondi). Ultimo, ma non ultimo il problema di IE7 con l’impaginazione di stampa dove ha ancora qualche problema da risolvere, ma è quasi allo stesso livello di FF.

Impaginazione IE7

Impaginazione Internet Explorer 7

Impaginazione Mozilla Firefox 3.0ca2

Atra caratteristica interessante di Firefox è la possibilità di avere a disposizione tanti altri milioni e milioni di plug-in grazie alla comunità di Firefox, mentre IE delude i suoi utenti con plug-in di cui la maggior parte sono a scopo pubblicitario.

Insomma, la Mozilla propone un browser più duttile al consorzio 3WC, quindi migliore in prestazione, e più personalizzabile ai gusti propri. Per maggiori informazioni sull’iniziativa e per aderire vi rimando al sito ufficiale qui in basso (il secondo link). In Italia per ora hanno aderito solo 45.000 persone, ma possiamo fare di meglio: spargete la voce e sopratutto, scaricate!

www.mozilla-europe.org

www.spreadfirefox.com

Aggiornamento: il Download Day è stato confermato per il 17 giugno, affrettatevi a spargere la voce!



Suonare a distanza: basta un click!

febbraio 27, 2008

Chi di voi non ha mai sognato di suonare, comodamente dalla propria stanza, con altri musicisti?
Oggi tutto questo è possibile: vediamo come!

Ci sono tre soluzioni principali:

  • Musigy
  • eJamming
  • Ninjam

I primi due sono software proprietario, infatti superata la fase di testing, diventeranno a pagamento, in ogni caso è possibile provarli gratuitamente iscrivendosi rispettivamente su Musigy oppure eJamming
Ho avuto modo di provare soltanto quest’ultimo:
Screenshot - eJamming Screenshot - eJamming (2)
Nella prima schermata, a destra potete vedere la schermata principale del programma, a sinistra la finestra di chat, in basso la finestra di opzioni; nella seconda schermata, a destra la finestra relativa alla jam, a sinistra la chat relativa alla sessione di prova, in basso le proprietà relative all’aggiunta di un posto alla sessione.

E’ abbastanza intuitivo come programma, permette inoltre di registrare l’intera sessione oppure soltanto la traccia di un singolo musicista, si possono caricare, scaricandole pero’ unicamente dal sito, basi MIDI, inoltre la chat permette di comunicare con altri musicisti e di cercare compagni di sessione.

La grande pecca, pero’, risiede nei 25ms di ritardo, che il segnale audio impiega a raggiungere gli altri musicisti, infatti il programma restituisce l’audio del proprio strumento alle casse del pc, unicamente quando il segnale audio raggiunge gli altri ascoltatori, inoltre i 25ms di ritardo possono facilmente aumentare se si dispone di una connessione scandente oppure di un firewall non configurato correttamente. Diventa quindi molto difficile suonare con precisione!

La vera rivoluzione sta invece nella terza soluzione: NinJam!
Questo è un progetto OpenSource, disponibile per le piattaforme Windows, Mac e Linux, avviato già da diversi anni, riscuotendo un valido successo.
Qui è possibile gratuitamente scaricare sia la versione Client che Server del programma: la prima consente di collegarsi a un Server e suonare con altre persone, la seconda consente al proprio Pc di ospitare una sessione di Jam, a cui altre persone possono collegarsi.

La rivoluzione sta nel fatto che, il team di sviluppo ha sfruttato una nuova idea di tempo: NinJam, infatti, non tenta di far suonare i musicisti in Real-time, ovvero di sincronizzarli allo stesso istante, bensì in Virtual-time, dando soltanto l’illusione che i musicisti stiano suonando in contemporanea: in realtà NinJam divide la sessione di prova in tante “misure”, quando un musicista suona una misura, questa viene inviata a un altro musicista che, ascoltandola, ci suona sopra, il primo musicista riceve quindi in ritardo l’audio del secondo musicista, ma ha l’impressione che questo suoni insieme a lui, nello stesso istante.

La qualità audio, inoltre, è ottima poichè l’audio è compresso ed è il Server a gestire i flussi audio, alleggerendo quindi il traffico del Client; si possono applicare effetti digitali, senza rallentare il programma.
Ecco qui un esempio di sessione:

Bene, per ora è tutto!
Buon Divertimento =)